Mad Max: Fury Road

Informazioni

Il male ha devastato qualsiasi cosa intorno ed il mondo è preda di sovrani eletti dalla fame e dalla miseria. Un solo uomo, per caso o per disperazione, è chiamato a salvare il destino dell’umanità che non riesce neanche più a distinguere ragione e follia. Non ha valori, cultura, astuzia, carattere.. ha solo la capacità di resistere e sopravvivere. Ne vale la pena o è l’atto dell’ennesimo folle in una realtà perversa in cui nulla merita di esistere veramente?

Titolo originale: Mad Max: Fury Road
Paese: Australia
Anno: 2015
Durata: 120 minuti
Genere: Azione
Regia: George Miller

Tema

Spesso ci chiediamo, quando stiamo per fare o non fare una qualsiasi cosa, se ne valga la pena. Razionalmente parlando servirebbe un brevissimo calcolo di tempo e risorse consumate messe in bilancia con il più probabile risultato per ottenere la risposta esatta a quella domanda. Eppure entrano in gioco altri fattori, alcuni emotivi altri casuali, che non ci fanno mai decidere, mai essere sicuri, perchè a volte non dipende solo da noi stessi o perchè non siamo realisti abbastanza, propendendo all’ottimo o al pessimo a seconda del carattere. Non a caso esistono due diverse, estreme, scuole di pensiero. La prima in cui si fa di tutto fino allo sfinimento di se, degli altri o delle cose coinvolte pur di arrivare al raggiungimento dell’obiettivo, in alcuni casi andando anche oltre la morale e l’etica; non si accettano sconfitte, le partite sono infinite, non c’è mai un finale finchè non è il finale che noi vogliamo o fino a quando non siamo sicuri di aver fatto di tutto, perfino l’impossibile. La seconda è quella dell’accettazione, della resa al primo no, del tornare a casa con una sconfitta minima ai punti in silenzio senza rischiare conseguenze più gravi. Forse come sempre accade la cosa migliore sta nel mezzo, sta nel bilanciare le due filosofie di pensiero e fissare un punto, fin dall’inizio su quanto si vuole rischiare per evitare di tornare a casa completamente a mani vuote o di tornare chiedendosi cosa sarebbe successo se ci fosse stato un altro tentativo. Ma le cose grigie, che stanno nel mezzo, non mi sono mai piaciute.. purtroppo.

Per carattere, forse per fortuna, tendo alla prima scuola di pensiero. Ci provo, me la gioco fino in fondo e se poi non va pazienza ma sono sicuro di aver dato tutto. Certe volte però mi rendo conto che costringere se stessi a imprese troppo grandi, a fallimenti certi già in partenza sia sbagliato. Sia perchè si vive uno stress e si subiscono delle conseguenze psicologiche dal pretendere troppo dalla propria anima. Non è una questione di girare intorno al problema, di fare la strada più facile.. capisco che evitare una situazione sia più sbagliato, ma pure scaraventarsi incontro ad un muro lo è. E purtroppo per me, spesso, mi è abbastanza difficile distinguere quando aggirare e quando affrontare. Sapendo il risultato a priori sarebbe molto più facile. Ma questa è la vita, cambia una virgola e cambia il mondo tuo e degli altri che hai accanto. Chiamatelo destino se vi piace di più, spesso a me viene di chiamarlo Stronzo.

Però ora immaginate, cosa sarebbe successo se Max avesse staccato la spina, avesse deciso di arrendersi ai demoni reali e immaginari che lo devastavano.. non avrebbe mai incontrato Fury e non avrebbero salvato la vita al genere umano senza il loro intervento. Morale della favola, mai rinunciare e provare sempre a resistere per quanto fosse pesante il treno che ci è passato sopra. Non tanto per noi, ma per il prossimo a cui servirà il nostro aiuto per avere la sua redenzione.

Personaggi

  • Mad Max: protagonista ma nello stesso tempo antieroe perchè non ha particolari doti morali o intellettuali, non aspira al bene, non ha obiettivi. Pensa solo a resistere nella convivenza con demoni reali o immaginari che si alternano nell’assillarlo. Solitario, forte, indecifrabile eppure capace di fare il dovuto per salvare le sorti della razza umana

  • Fury: imperatrice in cerca di redenzione, ribellandosi al sovrano. Ricorda di aver vissuto in giovinezza in un luogo dorato (o almeno vivibile) in cui intende riportare la specie umana nel tentativo di salvarla.

  • Immortal Joe: sovrano dell’esercito dei signori della guerra. Grazie alla sua provvigione di acqua e scorte costringe tutti a seguire il proprio culto e a idolatrarlo. Intende generare una nuova propria discendenza di umani sani che andranno a prosperare nel mondo

  • Nux: folle soldato dell’esercito a cui viene promessa l’immortalità se fosse riuscito nell’impresa di fermare Fury. Fallisce miseramente. Ritrova la ragione grazie a piccoli gesti d’amore scambiati con una delle vergini del sovrano e finisce per essere uno dei principali artefici della ribellione.

  • Commenti

    Un film d’azione, con una trama non complessa e con dialoghi sono ridotti al minimo.. In pratica avrebbe tutte le caratteristiche per andare nella mia personale black list eppure mi è piaciuto! Questo a dimostrazione che si può fare un buon film anche partendo da idee semplici e che non bisogna mai basarsi sulle apparenze prima di dare un proprio giudizio. Non penso sia un caso che abbia riscosso notevoli apprezzamenti e abbia vinto praticamente tutto agli Oscar 2015.

    Facciamo un breve riassunto, non della storia, ma delle caratteristiche della pellicola: si tratta del quarto capitolo di una serie, di cui sono stati realizzati fumetti e film, ha incassato tantissimo nelle sale e, come accennato sopra, si è aggiudicato diversi premi tra cui regia, sceneggiatura, scenografia, colonna sonora ed effetti speciali. madmaxPur non avendo mai seguito la saga e non avendo raccolto alcuna informazione dei capitoli precedenti sono riuscito benissimo a seguire il film anzi, ho apprezzato molto il fatto che piano piano, col proseguire della storia, tutti diventasse sempre più chiaro. Non conoscendo gli altri titoli, mi sento però già di far emergere una pecca clamorosamente grande: non viene data nessuna informazione sul perchè Mad Max abbia delle visioni e degli incubi.. non viene per nulla raccontato il suo passato e di ciò che sia successo nel corso della sua vita. E la sua pazzia che poteva essere uno de punti focali del film è stata notevolmente trascurata. Nonostante questo buco pazzesco risulta comunque molto positivo il mio giudizio generale riguardo al film. E’ molto immersive, ti cattura fin dall’inizio e non ti fa mollare lo schermo neanche per un secondo; tutto il contrario di The Revenant, lento e pieno di lungherie. A tal proposito ho apprezzato tantissimo le 2 ore precise di pellicola che a mio modo di vedere, al contrario a tanti altri film che vogliono diventare colossal clamorosi, hanno molto più valore. Secondo me è una forma di rispetto nei confronti dello spettatore non durare troppo.. parere personale.

    Come è possibile non fare un paragrafo solo per parlare della regia e della fotografia? La regia è stata ottima, fin dall’inizio con scene spettacolari ma di tutt’altra categoria sono fotografia e scenografia. Già ambientare un film in un periodo non ben precisato in cui far comunque risaltare l’alto livello di tecnologie e nello stesso tempo il degrado dell’uomo e del pianeta è difficile ma quei contrasti e quell’assoluta predominanza del tema “rosso“, una combinazione di deserto e sangue, molto stile Kenshiro, che caratterista tutto il film dalle prime scene, è eccezionale. Poteva dar fastidio ho pensato e invece no. Non so perchè ma è stato come se il mondo fosse da sempre in quel modo come se io spettatore fossi parte di quell’universo. madmaxIn questo includo anche i modi di pensare, la mentalità dei personaggi.. tutto è originale, perverso e credibile nello stesso tempo. Tutto è di una crudezza spaventosa. Credo sia l’unico film d’azione a cui vieterei la visione ai minori di 18 anni! E nello stesso tempo ha delle scene di una sensibilità unica. Non ci posso fare niente, io con gli eccessi ci vado a nozze. Basta confrontare la scena delle nutritrici che creano scorte di latte e quei brevi secondi in cui Nux e una delle giovani mogli si consolano di carezze per la vita che hanno. Poi il regista si è pure lasciato andare ad alcune chicche clamorose come il tizio che incita alla violenza con la chitarra spara-fuoco, la caratterizzazione fisica e psicologica di alcuni leader dell’esercito (primo tra tutto il sovrano), i mezzi di viaggio dalla caratteristiche particolarissime e altri piccoli dettagli che fanno del lavoro un capolavoro

    Per quanto riguarda i dialoghi, sono abbastanza scarni ma ogni parola ha un peso devastante nel film e mi piace, come il monologo iniziale di Mad Max che riassume, un minimo, l’ambiente in cui ci troviamo. Non ho apprezzato Tom Hardy, titolare del ruolo del protagonista, che non amo particolarmente in generale: apatico, poche espressioni, poca mimica ma forse è anche il personaggio che lo richiede. Per assurdo il protagonista è il punto debole a mio parare di tutto il film. Mi sono piaciuti invece tantissimo invece sia Charlize Theron, come sempre, che Nicholas Hoult, bravissimo veramente. Sono stato anche contento di aver rivisto Megan Gale dopo anni dai cinepanettoni italiani, e non avevo nessuna notizia di lei. Seppur aveva un ruolo marginale, l’ho trovata miglioratissima e gli auguro veramente il meglio per il futuro da attrice. Tra l’altro non hanno badato a spese per quanto riguarda il livello di gnocca nel film.. un più anche per quello.

    Non amando particolarmente le scene di azione in alcuni casi le ho trovate eccessive. Forse si poteva puntare su qualche dialogo in più riducendo un minimo gli effetti speciali. La trama forse è un po’ troppo semplice: penso sempre ci sia un problema quando riesco a raccontare ad altre persone un film in 2 minuti. Eppure il film mi ha coinvolto tantissimo anzi lo devo ringraziare perchè ultimamente ho visto pochi film e Hollywood mi aveva molto deluso; avevo quasi perso la voglia di cinema e Mad Max me l’ha fatta sicuramente tornare.

    Frasi

    Difficile capire chi fosse più folle: io o gli altri?
    Un uomo, ridotto a un unico istinto: sopravvivere
    Ehi, testa? Di’ ciao ciao al collo.. Decapito
    Io vivo, io muoio, io vivo ancora!

    Link utili

    Wikipedia, mymovies, filmup, imdb

    Valutazioni finali

    Un film non adatto ai deboli di cuore o ha chi soffre di epilessia. Notevoli sia la regia che le interpretazione. Eccellente la fotografia. E’ molto particolare ma credo che valga davvero la pena vederlo. Sicuramente ci aspettano nuovi capitoli pieni azione e follia. Cruel.

    Voto personale: 8 (votate anche voi)

    0 votes

    Lascia un commento


    *

    You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>