Calciomercato 2015

Oggi è il primo Settembre. Oltre ad essere traumatizzante perchè implica la quasi fine dell’estate, anche se le temperature restano abbastanza alte ancora, rappresenta una serie di avvenimenti più o meno piacevoli che stanno per accadere come l’inizio del nuovo anno scolastico, nuovi palinsesti televisivi e ovviamente il campionato di calcio. In realtà, negli ultimi anni, si tende sempre ad iniziare qualche settimana prima, come se Agosto non fosse il mese più caldo dell’anno, quindi abbiamo avuto già la possibilità di vedere un paio di giornate e devo dire c’è da essere abbastanza traumatizzati. I detentori del titolo erano i giocatori della Juve che ha collezionato 2 sconfitte in altrettante partite, cosa che non accadeva dagli anni della Seconda Guerra Mondiale, altrettanto schifo lo stanno facendo Napoli e Lazio, qualcosina di più l’ha fatta Milan e Roma mentre l’Inter è partita al top, nonostante le tante critiche estive. Fatto sta che la classifica odierna vedere a punteggio pieno Chievo, Sassuolo, Inter, Torino e Palermo. Cose dell’altro mondo

I non appassionati, in pratica quelli che non ci capiscono una beata minchia, si chiederanno come sia possibile una calciomercato-2015cosa del genere. Come fanno le provinciali ad essere prime e le corazzate a fare schifo? Prima di tutto un motivo è che, rispetto agli anni passati in cui il calendario di SerieA veniva stilato considerando il rispetto di tantissime condizioni, ora è molto più libero, possono esserci scontri diretti fin dalle prime giornate come è appunto successo tra Juve e Roma. Un secondo motivo, altrettanto rilevante, è che tra la fine di un campionato e l’inizio di un altro, come pure durante la pausa invernale, vengono fatte diverse trattative, si stipulando vari contratti ed i calciatori possono passare da una squadra all’altra come se stessimo scambiando della figurine. Dicasi Calciomercato, ovvero quella sessione di calcio che accende gli appassionati e fa sognare i tifosi per l’arrivo di nuovi campioni. Affrontiamo per un attimo questo tema, valutiamo cosa hanno fatto le principali squadre italiane nel calcioMercato 2015 e proviamo a dare un giudizio sul loro operato, fermo restando che se avessero ingaggiato me e un mio amico Mirco, da anni allenatori virtuali su Football Manager, avremmo fatto la fortuna di molte squadre.

Juventus

Ha iniziato alla grande la sessione estiva del calciomercato piazzando i colpi Neto, Khedira e Rugani che tornava dal prestito. Da tifoso, già esultavo per l’ennesimo campionato vinto. E invece.. Abbiamo svenduto Vidal a 40mln al Bayern che poteva tranquillamente versarne altri 15, visto che il Real ha pagato 40mln un giocatore mai esploso come Kovacic e lo stesso Bayern valuta Coman sui 25 milioni, un’assurdità. Abbiamo lasciato andare via liberamente nomi come Pirlo, Tevez e Llorente, che per carità stanno invecchiando e già li avevamo pagati poco, ma sostituire tutti i campionissimi che ci hanno fatto vincere per anni, è stata una vera boiata targata Marotta. Per quanto riguarda invece gli acquisti, abbiamo speso 70mln, dico 70mln, per rifare l’attacco ovvero prendere Dybala, Mandzukic e Zaza: il primo deve ancora dimostrare tutto, Mario è già oltre l’età per essere un vero bomber e se rivenduto non riesci a fare neanche la metà dei soldi dell’acquisto, mentre pagare 18mln per l’ex Sassuolo che costituisce il quinto attaccante è semplicemente follia, considerando che per i titolari dello scorso anno avevamo speso solo 9mln. All’attacco va aggiunto anche il prestito di Cuadrado, per carità, un fenomeno ma che non c’entra nulla con gli schemi della Juve che da anni spinge la manovra dal centro e non ha bisogno di ali avanzate. Ad un certo punto accortosi delle cazzate fatte Marotta ha provato a cercare rimedio ma non ha fatto altro che incrementare i danni: con gli ultimi soldi invece di prendersi un campione a centrocampo, come Isco o Gundogan, li ha divisi per acquistare un giocatore sconosciuto come Lemina e un altro mezzo giocatore come Hernanes. Per quanto mi piace il brasiliano e sarebbe un rimpiazzo perfetto per qualsiasi squadra, non lo vedo proprio da titolare per una capolista.

Voto personale: 4

Roma

Prima di tutto bisogna considerare che nella sessione precedente di calciomercato avevano fatto un casino, buttando via la possibilità di vincere il campionato: Destro via in prestito, comprati Doumbia e Ibarbo. In questi mesi estivi hanno decisamente invertito la rotta. Hanno venduto giocatori riserva come Bertolacci, Destro, Romagnoli, Yanga-Mbiwa e Ljajic accumulando un ottimo tesoretto di 60mln. Hanno preso in presto campioni del calibro di Salah e Dzeko. Ottimi anche i prestiti di Digne e Iago Falque. Sicuramente ci sarà qualche prestito con obbligo di riscatto da pagare, ma quest’anno possono veramente puntare al titolo.

Voto personale: 9

Lazio

Pochi squilli per la Lazio che almeno non si è privata di fenomeni come Felipe Anderson. I soli acquisti degni di nota sono Morrison da svincolato, Kishna e Matri in prestito. Per quanto riguarda le partenze, a parte Cavanda, nessuna privazione di medio-alto profilo.

Voto personale: 6

Napoli

Quest’anno non sono stati fatti colpi eccezionali, sarà l’assenza di Benitez e l’arrivo di Sarri, sarà la delusione per i tanti tentativi poco riusciti di vincere qualcosa. Tranne per Valdifiori e Allan, ottimi centrocampisti rispettivamente dall’Empoli e dall’Udinese, nessun nome da vero titolare come era successo in passato con Callejón, Higuain o Hamsik. Sul fronte partenze, da segnalare Inler, strapagato e mai esploso, Gargano che oramai ha fatto la sua epoca, l’oggetto misterioso Vargas e Zapata in prestito all’Udinese. Buon rientro anche il portiere Reina.

Voto personale: 6

Fiorentina

Spero per la Fiorentina che vero acquisto dell’anno sia Giuseppe Rossi, sempre straziato dai suoi infortuni alle articolazioni. Un altro fenomeno viene dalle giovanili: sembra ormai sul punto di esplodere Bernardeschi che già nelle amichevoli estive ha messo in mostra il suo talento. Sul fronte allenatore, si sono privati di Montella che per anni aveva dato prova di essere un grande tecnico ma ne è arrivato uno di pari competenze come Sousa. Gli acquisti della Fiorentina vanno da Mario Suarez ad Astori, da Kalinic a Blaszczykowski, tutti pagati il giusto senza sforare il budget. Sperando in un salto di qualità di Babacar si sono privati di Mario Gomez, hanno svincolato Neto, Basanta, Aquilani, Pizarro e Lazzari, nomi di tutto rispetto. Hanno preso ben 25mln, non pochi, per la cessione di Savic e pochi spiccioli per Joaquín. Nonostante le buone prove durante le amichevoli ho qualche dubbio sulla resa di un organico che si è privato di tanti buoni giocatori e che a lungo termine, considerando più competizioni e possibili infortuni, potrebbe risentire di una rosa limitata.

Voto personale: 5

Milan

Il Milan ha speso più di tutte le squadre italiane durante il calciomercato 2015. Con un passivo di 80mln ha cercato di rinnovare completamente la squadra, di abbandonare la politica degli acquisti a parametro zero e di svecchiare l’organico. Hanno silurato i vari Rami, Pazzini al Verona, Essien, Muntari, Zaccardo, Robinho, Birsa, Matri e Bonera e acquistato campioni del calibro di Bacca, Romagnoli e Luiz Adriano. Qualche perplessità sui soldi spesi ovviamente c’è perchè se pagare l’ex Siviglia ben 30mln più o meno ci sta, ad esempio portare a casa Bertolacci a 20mln mi sembra francamente eccessivo. Un buon rinforzo dovrebbe essere il nuovo allenatore: dopo i vari Seedorf ed Inzaghi alle prime esperienze, si è scelto un nome di rilievo come Mihajlovic, sergente di ferro che dovrebbe finalmente riuscire a raddrizzare la tendenza del settimo/ottavo posto in campionato, che una squadra dal blasone del Milan non merita.

Voto personale: 7

Inter

Se finora l’Inter è riuscita a strappare due vittorie in altrettante gare, non credo sia un trend che continuerà per molto. Ma magari mi sbaglio. Hanno rivoluzionato completamente la squadra, la classica sessione da Inter che se vede che le cose non funzionano cambia anche l’ultimo dei magazzinieri. Persino i rinforzi invernali come Shaqiri e Podolski, sono stati rispediti al mittente come se niente fosse. Tra le cessioni illustri troviamo Kovavic, pagato ben 40mln dal Real Madrid, e Hernanes andato all’ultimo alla Juve. Per quanto riguarda gli acquisti, escludendo Jovetic, che potrebbe ritornare il campione di una volta e Kondogbia, il centrocampista del Monaco, forse pagato un po’ troppo, sono state presi i soliti mezzi giocatori sperando in qualche miracolo, un po’ come ha fatto la Juve: Murillo e Miranda che si spera in due valgano per uno, Ljajic e Perisic, i gemelli slavi del gol. Che Dio faccia qualche miracolo per questa Inter che rischia come ogni anno di affogare, muovendosi troppo in acqua.

Voto personale: 6

0 votes
Precedente Ascoltare la radio con VLC Successivo Youtube, consigli utili

Lascia un commento


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>